Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Südtirol-Spal (2-0): il giorno dopo è ancora più sconfortante

Zaro sblocca il match del Druso e i biancazzurri sono incapaci di reagire: 14esima sconfitta stagionale e continua lo stallo in ultima posizione

Nel pre partita di SüdtirolSpal Dazn ha colto capitan Dickmann incoraggiare e richiamare i compagni: «Attenzione massima alle palle inattive, 4 occhi dobbiamo avere». Ironia della sorte e la squadra di mister Oddo ha subito due gol proprio sugli sviluppi da palla ferma. In entrambe le occasioni lo schema è lo stesso: calcio d’angolo, palla messa fuori area, tiro o cross e Zaro ci mette prima il piede e poi la testa.

La partita di sabato al “Druso” è esattamente ciò che ci si aspettava dal FCS: palleggio lasciato agli avversari (27% a fine partita), ripartenze e contropiede, aggressività e fisicità in fase difensiva e di riconquista, concretizzazione pericolosa delle occasioni create. Proprio quest’ultimo è un punto forte degli altoatesini, al secondo posto per percentuale di tiri in porta (il 34,5% dei tiri tentati sono verso lo specchio). Il gol che ha sbloccato la gara è stato sicuramente un episodio fortunoso, tanto che il Var si è preso 3 minuti abbondanti per smentire la decisione iniziale dell’arbitro, ma sorprende (o forse ormai neanche più di tanto) che la Spal non abbia avuto la rabbia e la convinzione per rispondere ai padroni di casa.

C’è sicuramente da tenere in considerazione la grande capacità del Südtirol di bloccare la costruzione avversaria e di rimanere salda e compatta come un muro, anzi come una montagna che non si è sgretolata neanche di fronte alla qualità e imprevedibilità di Prati e Rossi, ai centimetri di Moncini (tutti e tre entrati nella ripresa) e all’assetto più offensivo.

Se la Spal fa comunque delle buone prestazioni e ricrea in partita ciò che prepara in allenamento (come ha sottolineato Oddo in conferenza stampa), vuol dire che il problema riguarda l’aspetto mentale. Anche al “Druso” si è vista una squadra incapace di reagire, mentalmente annichilita e nel post partita Alfonso ha ammesso: «L‘atteggiamento è quello di una squadra che accusa la situazione e non riesce a dare quella risposta aggressiva, una risposta di cattiveria in campo». A questo punto diventa anche difficile pensare a una cura in vista delle ultime otto partite di campionato. Un buon psicofarmaco potrebbe essere una vittoria, ma quella di Cittadella insegna che il successo non è altro che un palliativo. Tuttavia si è arrivati ad una situazione in cui, soluzione provvisoria o meno, vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta per rimanere in serie B.

L’unica certezza della partita contro il Südtirol sono i 700 tifosi biancazzurri che sono andati a Bolzano e hanno dimostrato cosa vuol dire vivere “solo per maglia”. In casa o in trasferta i supporter ferraresi sono ancora una volta il 12esimo uomo in campo, peccato non possano giocare loro.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

A due gare dal termine del campionato i biancoazzurri possono ancora sperare negli spareggi promozione...
I più fiduciosi tra i tifosi biancoazzurri guardano addirittura al decimo posto...
mimmo di carlo spal
Ben 22 punti in 12 partite. Meglio della Spal, nel medesimo periodo, hanno fatto soltanto...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Altre notizie