Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Pronto soccorso Spal: qual è il motivo della scarsa condizione fisica?

Biancazzurri con i crampi dopo un’ora di gioco: si apre il dibattito sulle ragioni delle carenze dei calciatori spallini

Quella contro la Ternana è solo l’ultima di tre partite in cui la Spal è stata surclassata fisicamente dagli avversari. Se contro Cosenza e Südtirol i biancazzurri avevano subito gol senza poi avere la forza di reagire, con i rossoverdi è mancata la lucidità per uscire dalla morsa offensiva avversaria con due passaggi in avanti («Non abbiamo avuto la lucidità di buttare, e dico proprio buttare, due palle agli attaccanti: negli ultimi 5 minuti abbiamo fatto 18 passaggi indietro» ha spiegato Massimo Oddo al termine della gara).

Tutti problemi riconducibili a quella che Oddo ha definito «una condizione fisica non ottimale». Ma com’è possibile, a un mese e mezzo dalla fine del campionato, che la Spal sia in questo stato? « Quando in campo 4 giocatori hanno i crampi è evidente che ci sia un problema – ha ammesso il tecnico biancazzurro -. La condizione fisica non è ottimale e in questo momento della stagione è difficile rimettere in piedi una situazione perché è un lavoro continuativo che dura un anno.  Non voglio assolutamente criticare i colleghi precedenti – ha sottolineato l’ex terzino di Milan e Lazio – perché ogni allenatore ha le sue richieste e in base a queste struttura un certo tipo di preparazione fisica. In questo momento probabilmente le mie richieste sono diverse perché credo ci voglia qualcosa in più della qualità: ci vuole la corsa e se non si è allenati a farlo allora si fa più fatica, ma lungi da me attaccare i lavori precedenti». 

Le carenze a livello di forma sono una conseguenza del triplice cambio allenatore. I giocatori hanno dovuto adattarsi nei mesi alle esigenze di tecnici differenti e questi continui cambiamenti hanno finito per estenuare e spompare la rosa. L’avvicendamento in panchina ha obbligato i biancazzurri a frequenti stravolgimenti tattici e psicologici, che presupporrebbero invece tempo di adattamento. In questo momento i biancazzurri stanno pagando le insistenti variazioni e l’impazienza di chi dall’alto ha compiuto scelte forse un po’ troppo affrettate, senza tener conto a sufficienza delle ripercussioni che avrebbero avuto sul campo. Ma per i processi in pubblica piazza o in aula di tribunale è meglio aspettare la conclusione della stagione.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

A due gare dal termine del campionato i biancoazzurri possono ancora sperare negli spareggi promozione...
I più fiduciosi tra i tifosi biancoazzurri guardano addirittura al decimo posto...
mimmo di carlo spal
Ben 22 punti in 12 partite. Meglio della Spal, nel medesimo periodo, hanno fatto soltanto...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Altre notizie