Calcio Spal
Sito appartenente al Network

Spal, in attesa delle ultime gare si pensa al restyling sul mercato

Nel mercato di riparazione servirà intervenire in quasi tutti i reparti

L’arrivo a Ferrara di Joe Tacopina consentirà, prima di tutto, di parlare del futuro della Spal. Dopo la dolorosa retrocessione in serie C, i risultati di questa stagione stanno andando oltre le più tragiche aspettative ed ora urgono seri ed immediati correttivi per evitare un’incredibile retrocessione in serie D che sarebbe un vero e proprio disastro a tutti i livelli.

Assieme al Direttore Tecnico Fusco, il Presidente biancoazzurro dovrà, quindi, pensare al mercato di riparazione invernale, cercando quei profili che potrebbero fare al caso della Spal permettendole di tornare in una posizone di classifica più tranquilla ed invertire la rotta di questi primi mesi.

La squadra vista fin qui ha problemi in tutti i reparti, partendo dal portiere fino ad arrivare all’attacco. In porta era arrivato in estate Del Favero ma le sue prestazioni sono state largamente insufficienti tanto da essere presto rimpiazzato da Alfonso. Anche con quest’ultimo, però, i problemi non sono stati certo risolti e sono ormai tanti gli errori degli estremi difensori bancoazzurri che sono costati punti importanti alla squadra.

La difesa è probabilmente il reparto che avrebbe meno bisogno di un restyling anche perchè è recentemente arrivato da svincolato Bassoli che sta ben figurando. In mezzo al campo, invece, urge un regista visto che Carraro non è mai entrato nei meccanismi di gioco della squadra e non è mai riuscito ad accendere la luce, rendendosi anzi spesso protagonista di pessime prestazioni.

In avanti, poi, ci sarà da intervenire parecchio. Antenucci, Sits, Siligardi, Dalmonte: quattro nomi che a inizio stagione facevano brillare gli occhi dei tifosi e che sembravano un lusso assoluto per la categoria e che, invece, per tutta una serie di motivi non sono mai riusciti ad incidere. Sits si è lesionato il crociato alla prima giornata di campionato, Siligardi e Dalmonte si sono infortunati uno di seguito all’altro a metà ottobre anche se, comunque, non avevano mai segnato, mentre Antenucci è solo il lontano parente del giocatore che aveva trascinato la Spal negli anni d’oro. Morale della favola, gli estensi hanno il secondo peggior attacco del campionato con soli 12 gol all’attivo.

Urge, quindi, un bel restauro e non sarò certo facile trovare a gennaio giocatori già pronti e preparati. Ma una cosa è certa: la dirigenza spallina dovrà guardarci e pensarci bene perchè, stavolta, sbagliare non sarà più ammesso.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il centravanti spallino ha raggiunto Mora e Servidei con 135 presenze...
Gli uomini di Di Carlo, a quota 24, hanno quindi 4 punti in meno del...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...