Calcio Spal
Sito appartenente al Network

Verso Gubbio-Spal, Colucci: “La squadra ha bisogno di fiducia”

Il mister biancoazzurro ha presentato il match contro il Gubbio

Fiducia: è questa la parola che ricorre di più nella conferenza stampa che mister Colucci ha affrontato alla vigilia del match che domani opporrà la Spal al Gubbio: “In questo momento tutti stiamo cercando di iniettare un po’ di fiducia nella squadra, è quello di cui abbiamo più bisogno perché si può sbagliare ma si deve osare. Dell’ambiente ne abbiamo già parlato tante volte ma non posso chiedere di più perché i tifosi ci stanno vicino e qualche fischio ci può stare, come ho sempre detto dobbiamo essere noi a dare loro energia. Il Gubbio è sicuramente una buona squadra allenata da un ottimo allenatore, quindi massimo rispetto e attenzione nell’affrontare il nostro avversario. L’unica cosa importante in questo momento, però, è il nostro atteggiamento: dovremo cercare di fare una partita corta, sicura, dovremo essere determinati”.

Colucci fa poi il punto sugli infortunati e, come purtroppo accade da un po’ di tempo, la lista è sempre piuttosto lunga: “Domani non saranno con noi Rosafio e Contiliano, che però oggi ha ripreso ad allenarsi, mentre Rao e Rabbi sono tra i convocati. Dobbiamo valutare il loro impiego in termine di minutaggio ma sono a disposizione. Per quanto riguarda il modulo abbiamo provato due sistemi di gioco diversi, come facciamo ogni settimana, e domani, in base ai momenti della partita, valuteremo l’assetto migliore da adottare”.

La situazione classifica è pesante con la Spal al penultimo posto sopra solo alla Fermana e con davanti diverse squadre che hanno anche una gara in meno. L’allenatore biancoazzurro, però, non si scompone: “Se guardiamo la classifica è normale ti venga lo scoramento, ma mancano tante partite. Nel calcio può succede di fare un girone d’andata negativo per tanti motivi e poi un girone di ritorno completamente diverso; gli esempi sono tanti se guardiamo alle stagioni passate. In questo momento paradossalmente la classifica non dobbiamo guardarla perché non ci aiuta, dobbiamo arrivare a gennaio e poi tirare una riga. Con l’Ancona mi è piaciuto l’atteggiamento perché dopo il gol non ci siamo disuniti e anzi siamo pure andati in vantaggio. Però, messa a segno la seconda rete, ci siamo abbassati e questo mi è piaciuto meno; è un aspetto da sistemare e sul quale stiamo lavorando in allenamento. I ragazzi si allenano sempre bene, ma l’aspetto psicologico è quello più difficile da sistemare, ci stiamo lavorando e dobbiamo trovare il modo di uscirne perché oggi non siamo un semplice gruppo, ma una vera e propria famiglia.”

In ultima battuta Colucci ha parlato anche di Tacopina, atteso in città a inizio settimana: “Sono molto felice che lunedì arrivi il presidente, è un’iniezione positiva per tutta la famiglia Spal. Mercato? Non gli chiederò nulla, è ancora presto e noi adesso dobbiamo pensare partita per partita ai nostri prossimi impegni; i miei ragazzi sono questi e ad oggi non li cambierei con nessuno al mondo.”

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La gara in programma domenica 3 marzo sarà disputata a Vercelli...
Spal Primavera in trasferta sul campo dell'Albinoleffe...
Il difensore biancoazzurro non nasconde l'amarezza per la vittoria sfumata...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...