Calcio Spal
Sito appartenente al Network

Il doppio ex Pavani: “Spal favorita sull’Olbia”

L'ex attaccante biancazzurro a La Nuova Ferrara ha esaminato anche il momento storico del club estense

A La Nuova Ferrara ha rilasciato una lunga intervista il doppio ex di Spal ed Olbia, Roberto Pavani, giocatore offensivo che ha calcato i campi professionistici negli anni ’80.

Solo il nome Spal, non conta – ha detto Pavani analizzando le difficoltà dei biancazzurri – anzi, genera aspettative negli avversari che ti complicano le cose. Questa serie C non è assolutamente una passeggiata: se qualcuno l’ha pensato, ha evidentemente sbagliato. Avevo visto il Cesena proprio a Olbia perdere alla prima di campionato e non mi aveva fatto una buona impressione ma penso che nell’ambiente abbiano poi avuto la capacità di trovare una soluzione e una quadratura che ha permesso questo loro cammino positivo in vetta alla classifica. La Spal ha anche avuto tanti infortuni, magari qualcosa non ha funzionato anche a livello atletico, poi c’è stata gente non all’altezza ma almeno qualche nota lieta è arrivata nel vedere i propri giovani schierati. Ora inizierà il mercato di gennaio ed è evidente che occorreranno rinforzi, sennò si farebbe troppo dura. E una piazza così importante come Ferrara non può correre certi rischi”.

Sugli ultimi anni vissuti dalla Spal, Pavani ha detto: “Non solo a Ferrara, ma proprio in generale, non si trovano altri come i Colombarini e Mattioli. Questi hanno letteralmente salvato la Spal e l’hanno portata nell’èlite calcistica italiana. C’è poco altro da aggiungere sul loro operato e sulle gioie che ci hanno fatto vivere. Nel calcio di oggi esistono tante proprietà che vengono da fuori per investire. A questi livelli i soldi servono eccome, ma servono anche il cuore e il fare le cose bene. Quello di oggi è un calcio che vive di tante dinamiche e sinceramente lo seguo veramente poco. Prima c’era più passione, ora determinate carriere di alcuni giovani passano solo dai procuratori”.

E sull’Olbia: “Loro puntano alla salvezza, i programmi sono chiari. Giocano con due giocatori esperti come Ragatzu e Dessena poi hanno tanti giovani in prestito e lavorano su quelli. Recentemente in società sono entrati anche rappresentanti dalla Svizzera per dare un rafforzamento economico. Sulla partita secca credo che la Spal sia comunque favorita”.

Articoli correlati

I toscani hanno rifilato cinque gol ai liguri nel posticipo della 28esima giornata...
I ragazzi di mister Grieco interrompono la propria striscia di imbattibilità...
I nuovi arrivati Zilli, Petrovic e Edera ancora non hanno inciso...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...