Calcio Spal
Sito appartenente al Network

L’ex Marchini: “La Spal sconta errori commessi in passato. E sul mercato…”

L'ex capitano biancazzurro: "Mercato? Secondo me al giorno d’oggi, in cui il livello tecnico è calato molto, servono giocatori giovani"

Attualmente allena una squadra di Eccellenza, il Granamica, ma Davide Marchini segue sempre con attenzione la “sua” Spal. Intervistato dal QS, l’ex capitano biancazzurro, ha parlato della situazione che sta attraversando il club estense: “Purtroppo la Spal sconta errori a mio parere commessi in passato  come ad esempio non aver cambiato giocatori in ruoli che già erano in difficoltà. Si è pensato che scendendo di categoria sarebbero andati bene comunque, ma non sta andando così. Mi riferisco ad esempio al ruolo del portiere e dei terzini, lì si doveva mettere mano prima”.

Questa piazza e questa tifoseria danno stimoli forti – ha aggiunto Marchininon posso vedere per la Spal dei gol presi come a Pineto, nemmeno nei dilettanti si vedono. Per quello spero sul mercato, altrimenti sarà dura fino alla fine. Già il fatto che vinci 2-0 con due reti dei difensori, la dice lunga”.

Su Colucci: “Lo conosco, abbiamo giocato insieme a Bologna e per me ha fatto quello che doveva fare, con questo organico e con tanti giocatori di qualità infortunati. Sono contento per Bassoli, conosco lui e il suo fratello gemello e so con quale serietà lavorano. Sono ottimi professionisti e possono dare molto“.

Sul mercato: Secondo me al giorno d’oggi, in cui il livello tecnico è calato molto, servono giocatori giovani, con fame e corsa. E uno come Antenucci andava affiancato a profili così, anche se mi rendo conto che non è facile dover fare a meno per mesi di giocatori come Siligardi e Dalmonte”.

Sulla frattura tra tifosi e società:Penso che anche l’aver speso dei soldi non ti salva dalle critiche se i risultati non arrivano. Però se sei umile e ti confronti, la gente lo capisce e lo accetta. Capitò anche a me di confrontarmi coi tifosi quando ho vissuto momenti delicati in maglia spallina con una dirigenza del passato, l’importante è non sottrarsi mai al dialogo. Speriamo che la squadra si salvi e che poi a fine stagione si chiariscano tutte le posizioni“.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I toscani hanno rifilato cinque gol ai liguri nel posticipo della 28esima giornata...
I ragazzi di mister Grieco interrompono la propria striscia di imbattibilità...
I nuovi arrivati Zilli, Petrovic e Edera ancora non hanno inciso...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...