Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Buio Spal al “Curi”, il Perugia cala il tris (3-1)

I biancoazzurri si fanno rimontare e superare in un secondo tempo davvero mal giocato

Sembravano esserci tutti i presupposti per tornare a quella vittoria esterna che alla Spal manca ormai da settembre e invece gli uomini di Colucci crollano clamorosamente al “Curi“. 3-1 il risultato finale per i padroni di casa, che rimontano l’iniziale svantaggio maturato nel primo tempo e, grazie soprattutto ad una prestazione mostruosa di Lisi, nella ripresa annichiliscono letteralmente i biancoazzurri. Colucci aveva registrato la difesa, che nelle ultime sei uscite era stata battuta solamente in due occasioni, ma stavolta viene tradito da tutta la sua retroguardia con tre gol presi in dodici minuti e l’ormai solito erroraccio di Del favero, che regala letteralmente il terzo gol con un’uscita ai limiti del comico.

Le due compagini presentano qualche novità di formazione rispetto a quelle annunciate alla vigilia. A causa di problemi occorsi nel riscaldamento i biancoazzurri perdono Alfonso e Fiordaliso; al loro posto rispettivamente Del Favero e Bruscagin. Fronte Perugia, invece, Formisano sceglie il 3-5-2 con Bartolomei e la coppia d’attacco SyllaMatos. Vulikic al comando del trio difensivo.

Contrariamente ad altre gare, gli uomini di Colucci approcciano bene ed al 5′ passano subito in vantaggio: corner ben calciato da Maistro che trova la perfetta incornata di Peda per il gol del vantaggio spallino. Il Perugia si scuote e reagisce subito: al 9′ Bartolomei calcia da fuori una punizione insidiosa ma Del Favero alza sopra la traversa. Gli uomini di Formisano alzano il baricentro e prendono il controllo del match ma al 23′ è la Spal ad andare vicinissima al raddoppio: Antenucci bravo a sfruttare un’indecisione di Vulikic rubandogli il pallone ma poi, a tu per tu con Adamonis, spreca clamorosamente calciando a lato. Passata la paura, gli umbri rimettono la testa avanti prima con Torrasi che calcia male da ottima posizione e poi con Sylla che scalda le mani di Del Favero con un bel colpo di testa.

A inizio ripresa il Perugia cambia subito tre uomini e si mostra decisa e volenterosa: al 51′ bella discesa sulla destra di Paz e traversone perfetto per il tuffo di testa di Sylla che, tutto solo all’altezza dell’area piccola, non dà troppa forza al pallone e trova il grande intervento di Del Favero. I padroni di casa continuano a premere e al 60′ trovano il meritato pareggio grazie ad una perla del neo entrato Lisi. La difesa biancoazzurra tarda nel disfarsi del pallone che arriva sui piedi del centrocampista biancorosso; splendido tiro a giro da fuori area e palla che si insacca nel sette. Sulle ali dell’entusiasmo gli uomini di Formisano si buttano in avanti e, due minuti dopo, raddoppiano: ancora Lisi sugli scudi mette in mezzo un pallone perfetto, Paz anticipa Collodel e batte ancora una volta Del Favero.

Al 70′ esordiscono in biancoazzurro Buchel e Zilli ma due minuti dopo la Spal crolla definitivamente: Del Favero compie l’ennesima “papera” della sua stagione uscendo completamente a vuoto su un corner dell’indiavolato Lisi e permettendo a Paz di segnare il più facile dei gol a due passi dalla linea di porta. Minuti finali con il Perugia in totale controllo: al 79′ si rivede in campo anche Dalmonte dopo il lungo infortunio poi a pochi minuti dal 90′ prima Seghetti e poi Sylla (conclusione sul palo) sfiorano il poker. Per la Spal, dopo sette risultati utili consecutivi, è di nuovo notte fonda, e la classifica torna a fare paura.

foto da www.facebook.com/SpalCalcioFerrara

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dodicesima vittoria consecutiva per i ragazzi di mister Pedriali...
Sarà Mario Perri della sezione di Roma 1...
L'attaccante ex Trento è tornato sull'importantissima vittoria contro il Sestri Levante...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...