Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Spal, a Lucca l’ultimo treno per Colucci?

Dopo la disfatta di domenica, la dirigenza si sta interrogando sulla posizione del mister biancoazzurro

Le due pesanti sconfitte contro Perugia e Juventus NG, entrambe con il punteggio di 1-3, hanno lasciato pesanti strascichi in casa biancoazurra. Ma, se a caldo non sono state prese decisioni nonostante un doveroso confronto tra allenatore e proprietà come ammesso dallo stesso Colucci, a distanza di 36 ore dalla disfatta del Paolo Mazza, la posizione del mister spallino sembra fortemente in discussione. E, visti i risultati, non potrebbe essere altrimenti.

Sette sconfitte in 18 gare di campionato, con soli 15 punti conquistati ed una media punti (0,83) da piena zona retrocessione sono numeri che inchiodano l’allenatore pugliese che, arrivato ad inizio ottobre al posto di Di Carlo, non è mai riuscito a trovare il bandolo della matassa. E se i tanti infortuni potrebbero risultare una parziale attenuante, è altrettanto vero che la squadra non ha mai dato l’impressione di svoltare, nè dal punto di vista del gioco nè da quello dei risultati.

Prima di Perugia la Spal era imbattuta da sette gare, ma aveva ottenuto solamente una vittoria e non si era mai allontanata dal pantano della zona retrocessione; inoltre, se Colucci sembrava aver sistemato almeno la fase difensiva, con soli due gol subìti in sei partite, nelle ultime due gare i gol presi sono stati ben sei con una difesa ai limiti dell’imbarazzante.

Il day after ha, quindi, portato parecchie riflessioni negli uffici di via Copparo, ma Tacopina e Fusco sembrerebbero aver confermato la fiducia a Colucci dandogli un’ultima possibilità. Domenica, però, nell’insidiosissima trasferta di Lucca,  non saranno ammessi ulteriori passi falsi altrimenti l’avventura dell’allenatore di Cerignola sulla panchina biancoazzurra sarà veramente al capolinea e, per l’ennesima volta negli ultimi anni, la Spal dovrà cercare una soluzione di emergenza per evitare la tragedia sportiva di una retrocessione nei dilettanti.

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nelle ultime quattro partite i biancazzurri hanno subito appena due reti...
I nuovi arrivati Zilli, Petrovic e Edera ancora non hanno inciso...
Il centravanti spallino ha raggiunto Mora e Servidei con 135 presenze...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...