Calcio Spal
Sito appartenente al Network

Riecco Di Carlo: “Io nella Spal ci credo, ci credevo ieri e ci credo oggi”

Via al Di Carlo bis con la conferenza stampa prepartita in vista della Recanatese

Dopo quattro mesi Domenico Di Carlo è tornato al timone della Spal. La sua avventura bis a Ferrara è ricominciata lunedì scorso ed oggi, alla vigilia del delicatissimo match contro la Recanatese, il mister laziale si è mostrato alla stampa nella conferenza pre gara, mostrando grande voglia e determinazione.

“Lo spirito è molto positivo da parte mia, ringrazio la società che mi ha ridato fiducia concedendomi la possibilità di riscattarmi insieme ai miei giocatori. Ho parlato con il Presidente diverse volte e lo stesso ho fatto con tutte le componenti societarie, ho trovato grandissimo supporto da parte di tutti e si è ricreato subito un buon clima. Anche la squadra che ritrovo ha molta più qualità e vorrei finire bene il percorso che avevo iniziato. Sono motivatissimo, concentrato e fiducioso, anche se sappiamo che dobbiamo lavorare tanto per far si che si possa uscire da questa situazione il prima possibile”.

Questioni tecnico-tattiche a parte, Di Carlo ha dovuto e drovrà lavorare molto sull’aspetto psicologico, visto che la squadra ha il morale a pezzi dopo le tre sconfitte consecutive ed il secondo esonero dell’allenatore in stagione: “Io sono il condottiero e devo essere il primo a trasferire l’atteggiamento giusto ai ragazzi. Oggi sto chiedendo più coraggio e gioco e già da domani voglio vederli in campo insieme alla determinazione, che è quella che ci vuole per vincere le partite. Come ho sempre detto siamo noi tutti a dover trascinare i tifosi e voglio vedere una squadra che gioca di più e con più coraggio, una squadra che vuole andare a prendersi i tre punti fino al novantacinquesimo stando sempre in partita, in ogni momento. L’aspetto mentale è importantissimo e per questa squadra lo è ancora di più. In settimana mi sono concentrato soprattutto su questo: dobbiamo vincere i duelli ed avere coraggio, perché poi abbiamo anche la qualità dalla nostra. Dobbiamo dare fiducia ai giocatori, alla squadra e così i risultati arriveranno. Chiaramente siamo in difficoltà, ma è nelle difficoltà che si trovano le opportunità e domani sarà una partita che dovremo provare a vincere in tutte le maniere, essendo aggressivi quando ci sarà da esserlo e difendendo con l’osso in bocca quando dovremo farlo”.

Chiusura guardando al passato, che sia per lui che per la squadra avrebbe dovuto essere molto diverso: “Farei qualcosa di diverso? Guardando al passato oggi ci faremmo del male tutti. Volevamo che le cose andassero diversamente, all’inizio avevo chiesto di avere pazienza perché la squadra era giovane e nuova, ma ripeto oggi resettiamo tutto. Sono qua con la voglia di riprendere il percorso iniziato e dimostrare a tutti che questa squadra è migliore. Il passato va messo alle spalle, da questo momento conta solo il domani e il futuro della Spal. Io nella Spal ci credo, ci credevo ieri e ci credo oggi”.

Articoli correlati

In questo momento i biancazzurri sono ad una sola distanza dalla salvezza diretta in attesa...
La gara in programma domenica 3 marzo sarà disputata a Vercelli...
Spal Primavera in trasferta sul campo dell'Albinoleffe...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...