Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Spal-Arezzo, il doppio ex Sereni: “Mi aspetto una bella gara, Ferrara è nel mio cuore”

Il laterale della Spal di Gadda: "Torno spesso in città, e noto con piacere che la gente si ricorda ancora di me"

Il QS nell’edizione odierna ha intervistato un doppio ex della sfida tra Spal e Arezzo in programma venerdì sera. Si tratta di Samuele Sereni che la maglia biancazzurra l’ha indossata soltanto 10 volte nella stagione 2013/14 ma gli sono bastati quei pochi mesi per entrare nel cuore dei tifosi ferraresi. Era il laterale mancino della squadra di Gadda, che sull’altra corsia si affidava ad un certo Manuel Lazzari. Sereni è nato a Castiglion Fibocchi, in provincia di Arezzo, e proprio nella società amaranto è cresciuto calcisticamente e ha chiuso la carriera professionistica nel 2021, prima di continuare a giocare nei dilettanti e dedicarsi ad un’altra attività che gli sta regalando soddisfazioni.

Gioco in Promozione in provincia di Arezzo – ha detto Sereni al QS–, e lo farò fino a quando continuerò a divertirmi. La passione è ancora forte, ma devo conciliarla con un bambino di 21 mesi e una professione che da qualche anno ha preso il posto del calcio: mi occupo della gestione di uno stabilimento di Prosciutto Toscano Dop, un’opportunità alla quale non potevo rinunciare“.

L’esperienza di Ferrara. “Ma la ricordo come fosse ieri. Porto ancora nel cuore la città e i tifosi, oltre al centro sportivo di via Copparo e lo stadio Mazza, dove si avvertiva il clima del calcio vero. La curva Ovest ti fa sentire un calciatore importante e ti responsabilizza, e penso di aver ripagato la gente con le prestazioni. La nostra era davvero una bella squadra, e assieme all’amico Lazzari ricordo di aver servito un bel po’ di assist a bomber Varricchio”.

Segui la Spal. “Certo, gli squadroni non fanno per me. L’Arezzo fa parte della mia vita e lo seguo anche allo stadio appena possibile, ma oltre agli amaranto sono rimasto affezionato soltanto a due squadre: il Mantova e la Spal. La maglia biancazzurra è un pezzo del mio cuore, un’esperienza unica che non dimenticherò mai. Torno spesso a Ferrara, e noto con piacere che la gente si ricorda ancora di me“.

Di Carlo. “Ho visto che da quando è tornato la Spal ha iniziato a correre, e mi fa davvero piacere. Nel calcio non sempre vincono i più forti e immagino che le aspettative nei confronti della squadra all’inizio della stagione fossero molto diverse. Per fortuna c’è ancora tempo per recuperare, e poi c’è Antenucci, un giocatore che ha fatto la storia della Spal“.

L’Arezzo. “Gucci è un amico, oltre ad essere un ottimo attaccante che è già arrivato in doppia cifra. Nell’ultimo turno ha messo ko la Recanatese con due gol di testa e in area è davvero temibile. L’Arezzo sta disputando un campionato di metà classifica in linea con le aspettative, ma la società arriva dalla serie D e sta facendo benissimo. La proprietà si è insediata da qualche anno e ha rivoluzionato tutto. In prospettiva c’è l’ambizione di arrivare in serie B, sarebbe bello. Al Mazza invece è difficile prevedere cosa accadrà: di sicuro sarà una bella partita”.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nell'ultima gara di campionato gli uomini di Di Carlo proveranno a migliorare la loro classifica...
L'ex centrocampista di Cesena e Vicenza ha commentato il girone B di Serie C...
E' possibile acquistare i tagliandi per il settore riservato ai sostenitori spallini al prezzo speciale...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Altre notizie