Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Di Carlo: “Spal, ci stiamo risollevando, ma ancora non abbiamo fatto niente”

Il mister biancoazzurro ha presentato così il match contro il Sestri Levante

La consapevolezza di essere sulla strada giusta e la convinzione che la squadra abbia cambiato atteggiamento a livello: mister Di Carlo, alla vigilia del match contro il Sestri Levante, esprime ottimismo e fiducia per il futuro: “Ci stiamo risollevando, ma ancora non abbiamo fatto niente. Questa settimana è stata importantissima per noi, perché ci ha permesso di lavorare su tanti meccanismi e aspetti da far funzionare meglio, ma la squadra in questo ultimo periodo ha fatto bene sotto il punto di vista dell’atteggiamento, del coraggio e della voglia di tirarsi fuori da questa situazione. La classifica ci dice che davanti a noi ci sono ancora squadre da raggiungere e dobbiamo essere bravi noi a raccogliere il meglio da ogni confronto, così come abbiamo fatto nell’ultimo periodo”.

Dal suo ritorno in panchina la squadra ha totalizzato 8 punti sui 12 a disposizione, ma la strada è ancora lunga e la Spal è sempre invischiata nella zona play-out: “Nel girone di ritorno è più difficile per tutti fare punti, ma la Spal c’è: è una squadra in fiducia, che si sta allenando bene e che ha la forza e la capacità di poter ribaltare anche le situazioni negative, però per continuare su questa strada abbiamo bisogno di una prestazione maiuscola da parte di tutti. Mi è piaciuto il cambio di atteggiamento maturato a livello mentale, perché non era facile che si realizzasse così in fretta: in situazioni come queste è necessario ricreare fiducia nella squadra e intorno alla squadra, trasmettendo a tutti i nostri tifosi senso di appartenenza. Tra prestazioni, giocatori e tifosi stanno crescendo il sostegno e la fiducia e ciò fa ben sperare per il prosieguo del campionato, perché sappiamo bene che il nostro obiettivo non possiamo certo raggiungerlo da soli. Cosa mi aspetto da qui in avanti da parte dei ragazzi? Di poter vincere le partite, iniziando da domani. Come ho detto anche a loro: ci vuole sempre una prestazione di squadra maiuscola, perché essere normali non basta. Noi abbiamo molta qualità ed è necessario che tutti i reparti corrano l’uno per l’altro, così allora tutto funziona”.

Domani la delicatissima sfida salvezza contro il Sestri sarà giocata a porte chiuse, in un ambiente surreale: “Dispiace che domani la partita si giochi a porte chiuse, perché poter andare a Vercelli a giocare uno scontro diretto come quello contro il Sestri Levante con il sostegno dei nostri tifosi, per noi sarebbe stato importante e avrebbe rappresentato un punto di forza ulteriore. Nell’ultimo periodo credo che i tifosi abbiano capito quanto la squadra si stia impegnando per uscire da questa situazione e ci stanno dando una grande mano. Domani li avremo lontani, ma cercheremo di fare una partita maiuscola anche per loro in attesa di ritrovarli mercoledì nel nostro stadio”.

Articoli correlati

E' possibile acquistare i tagliandi per il settore riservato ai sostenitori spallini al prezzo speciale...
Dopo le due gare saltate contro Entella e Pineto, l'attaccante biancoazzurro dovrebbe essere disponibile per...
arbitro generica
Il fischietto campano sarà assistito da Ilario Montanelli di Lecco e Giampaolo Jorgii di Albano...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Altre notizie