Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ex Spal, l’insolita domenica dei fratelli Esposito

Reggio Emilia-Bari-La Plata: un sangue e tre finali da una parte all’altra del mondo

In una domenica di giugno come le altre, quando tutti i campionati sono terminati e molti calciatori sono già in vacanza nelle mete più esotiche, c’è ancora qualcuno che si gioca il futuro. È il caso dei fratelli Esposito: Salvatore, Sebastiano e Francesco Pio. Una curiosa circostanza ha voluto che i ragazzi originari di Castellammare di Stabia giocassero tre “finali” diverse nello stesso giorno.

Salvatore ha iniziato la stagione con la maglia biancazzurra e la fascia di capitano al braccio. Dopo tre anni in serie B, 89 presenze, 10 gol e 9 assist, l’ex spallino si è trasferito allo Spezia in serie A. In Liguria si è conquistato la titolarità con la solita determinazione e forza di volontà che l’ha sempre contraddistinto, segnando anche un gioiello su punizione contro il Milan di vitale importanza. Domenica 11 alle 20:45 al Mapei Stadium di Reggio Emilia, gli aquilotti di Semplici (altro ex Spal) disputeranno lo spareggio contro il Verona: chi vince rimane in serie A, chi perde scende in cadetteria.

Sebastiano si è trasferito a gennaio dall’Anderlecht al Bari, dove, ad oggi, ha collezionato 14 presenze, 4 gol e 2 assist. Alle 20:30 i galletti si giocano la serie A contro il Cagliari nella finale di ritorno al “San Nicola” dopo l’1-1 dell’andata, in cui proprio Sebastiano è stato uno dei migliori in campo guadagnando il rigore poi sbagliato da Cheddira. L’attaccante ex Spal (13 presenze e 1 gol tra settembre e gennaio nella stagione 2020/21) è ancora di proprietà dell’Inter, ma punta fortemente a salire in massima categoria per sfidare, perché no, il fratello. Salvatore e Sebastiano si troveranno avversari in serie A o in serie B?

Se parliamo di ansia e pressione, non c’è nulla di più trepidante di una finale mondiale. Francesco Pio sarà in campo alle 23:00 (ora italiana, diretta su Rai 2) allo stadio “Diego Armando Maradona” di La Plata, in Argentina, per l’ultimo atto del Campionato del mondo Under 20 UruguayItalia. Tra i protagonisti della squadra di Nunziata, il più giovane dei fratelli Esposito ha conquistato la finale del torneo dopo aver passato il girone contro Brasile, Nigeria e Repubblica Dominicana e aver battuto poi Inghilterra, Colombia e Corea del Sud nella fase a eliminazione diretta. L’attaccante classe 2005 dell’Inter Primavera ha segnato 1 gol di tacco nella vittoria ai quarti contro la Colombia e ha giocato da titolare 4 partite su 6. L’Italia non ha mai alzato la Coppa del Mondo Under 20… sarà la volta buona?

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I ragazzi di mister Grieco sprecano un rigore e vengono battuti 2-1...
spal pineto curva ovest
Nell'ultimo impegno stagionale al Mazza i biancazzurri hanno ottenuto la matematica salvezza e sugli spalti...
Il presidente biancoazzurro è tornato a parlare della salvezza raggiunta dalla sua squadra...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Altre notizie