Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Spal, il Consiglio Federale ha definito la graduatoria per le riammissioni in B

I primi posti sono stati assegnati a Brescia e Perugia. Le possibilità di riammissione per i biancazzurri sono minime

Il Consiglio Federale della Figc ha definito la graduatoria delle società che hanno fatto domanda di riammissione e ripescaggio in serie B e serie C. Queste le decisioni assunte:

  • Brescia e Perugia prime in graduatoria per la Serie B;
  • Mantova ufficialmente riammesso in C (al posto del Pordenone);
  • Per l’eventuale integrazione della Serie C l’ordine è il seguente: Atalanta U23 (al posto del Siena) , Casertana e Piacenza (subentrerebbero rispettivamente a Brescia e Perugia in caso di posti vacanti).

Il presidente della federcalcio, Gabriele Gravina, ha poi puntualizzato: «La graduatoria prevede la 17esima posizione per il Brescia e la 18esima per il Perugia, non abbiamo provveduto a un’integrazione dell’organico perché siamo in attesa dei ricorsi. Quindi noi ci posizioneremo, per non alterare i format di Serie B e C, in un momento successivo a quando conosceremo l’esito dei ricorsi».

Nonostante la domanda di riammissione in B, la Spal non è stata presa in considerazione nella graduatoria. L’unica possibilità dei biancazzurri per sperare nella riammissione nel campionato cadetto (desiderio che in questo momento hanno in ben pochi a Ferrara, dove si è già concentrati per la prossima Lega Pro) è legata al presunto illecito sul gol vittoria del Perugia contro il Benevento all’ultima di campionato, caso che probabilmente verrà archiviato.

Sul capitolo “modifica al format” (da 20 a 22 squadre), che rappresentava una possibilità di ripescaggio in cadetteria per la Spal, è intervenuto ancora il presidente della Lega Serie B Mauro Balata: «Su questo graniticamente io e le società siamo schierati per difendere il nostro format. Le conseguenze sarebbero devastanti, non possiamo permetterci di subire pregiudizi. Stop ammissioni e ripescaggi? Andrà un attimo calibrato, c’è l’esigenza di tutela del format».

A margine del Consiglio Federale, Gravina ha aggiunto: «Stop a riammissioni e ripescaggi? Non è più accettabile. Faremo qualcosa a breve. Dall’anno prossimo anticiperemo i termini d’iscrizione ai campionati, con deadline al 30 aprile e non a maggio o giugno. Pretenderemo rispetto ferreo delle regole. Ogni anno riviviamo puntualmente gli stessi fotogrammi e, a causa di ipotetiche riammissioni, si blocca tutto il sistema. Oggi posso dire che non cambieranno i format, non a caso aspetteremo i ricorsi. Entro il 29 di agosto conosceremo l’esito definitivo. È chiaro che c’è anche la possibilità, dopo il Tar, di chiedere l’anticipazione della data del Consiglio di Stato. Per questo oggi non posso dire con certezza che la B inizierà in ritardo».

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

joe tacopina
"S.P.A.L. precisa che tale ritardo è stato causato da un problema di natura bancaria legato...
Deferito contestualmente anche il Presidente Joseph Tacopina...
La dirigenza del club di Massimo Cellino vorrebbe trattenere il difensore classe 1996...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C....

Altre notizie