Calcio Spal
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Spal, il futuro biancazzurro inizia a delinearsi

Tacopina conferma: “Siamo pronti a ripartire. Fusco è l’unico con cui abbiamo parlato, vediamo che succede. Nel caso sceglierà lui il tecnico”

Oltre alle considerazioni sulla propria esperienza calcistica in Italia e sulle differenze tra le varie categorie, alla 21esima edizione del premio Golden Boy organizzato da Tuttosport, Joe Tacopina ha parlato del futuro della Spal. Le dichiarazioni confermano la volontà del presidente biancazzurro di restare a comando della brigata di via Copparo e le ambizioni per il prossimo campionato: «Siamo pronti a ripartire. La vita è così: ci sono giorni belli e brutti. La cosa importante sono le persone nelle quali confidi per rialzarti. Per me quella dello scorso anno è stata la prima retrocessione da quando sono in Italia, ma non è detto che sia solo una brutta cosa. Certe situazioni ti permettono di ripulire e ripartire. Siamo retrocessi, ma torneremo in Serie B velocemente».

Ripulire e ripartire, lo stesso concetto che già aveva espresso nella conferenza del 15 maggio: «Farò sì che ci sia un’unica voce a livello decisionale dal punto di vista sportivo. Il nuovo direttore sportivo prenderà autonomamente le decisioni ed avrà totale autonomia» dichiarò Tacopina. In queste ore si sta proprio parlando del futuro direttore sportivo che, salvo sterzate improvvise dell’ultimo minuto, sarà Filippo Fusco, presente all’evento di fine stagione dedicato agli sponsor e con cui il patron estense si è a lungo intrattenuto in privata sede. Il ds napoletano prenderà il posto di Fabio Lupo e subentrerà ad Armando Ortoli e, insieme al direttore generale Andrea Gazzoli, sarà la spalla destra del Pres.

Nell’intervista a tuttomercatoweb.com, l’avvocato americano ha delineato le mosse future, colmando di fatto i dubbi dei tifosi che sono emersi pubblicamente nei giorni scorsi: «prossimi step sono le nomine di un direttore sportivo e di un tecnico. La squadra ha tanti giovani di valore grazie al lavoro fatto dal nostro settore giovanile e sono tutti molto affamati. Una cosa che mi piace vedere nei giocatori della prima squadra. Noi siamo qui per rimanere, per raggiungere traguardi importanti. Abbiamo investito tanti capitali e andiamo avanti. Per raggiungere successi sia per noi che per i tifosi. Sono convinto che insieme potremo risollevarci. In passato tutti noi abbiamo commesso degli errori e abbiamo imparato da questi errori».

Tacopina ha quindi voluto voltare pagina rispetto alle contestazioni post retrocessione: nessun incontro, nessun chiarimento faccia a faccia, solo il tempo che guarisce le ferite e spazza via i malumori…saranno poi i risultati del campo a sanare completamente le divergenze createsi nell’ultima stagione. E lo stesso vale per i tifosi, i quali dovranno accontentarsi di queste parole del presidente perché, in futuro, conferenze stampa ufficiali non dovrebbero essere convocate.

Alle domande specifiche sul ds e sul tecnico il numero uno biancazzurro ha risposto: «Fusco è l’unico con il quale abbiamo parlato. Vediamo che succede. Conosco Filippo molto bene perché ha lavorato con me a Bologna. È una grande persona, un grande lavoratore e una grande credibilità. Lo avrei voluto con me già lo scorso anno, ma adesso dobbiamo pensare solo al futuro e non al passato. Sul tecnico deciderà Fusco. Abbiamo un paio di nomi in mente, ma sta al direttore sportivo scegliere. Sarà lui a parlarci».

In conclusione Joe Tacopina ha parlato del futuro di Matteo Prati, il più grande talento emerso dalla rosa biancazzurra nell’ultima stagione: «Penso sia per il suo bene, che per il suo futuro. Prati non è un giocatore da Serie C. Si è già imposto come uno dei migliori giocatori dell’ultimo campionato di B, ha fatto benissimo anche in Nazionale. Cercheremo comunque di trovare una soluzione, anche nell’ottica di non perderlo, magari un prestito». Privarsi del centrocampista classe 2003 mandandolo un anno in prestito (facendo sì che il suo valore – economico e professionale – aumenti ancora), risalire immediatamente in cadetteria e riaverlo di nuovo disposizione non sarebbe male.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

joe tacopina
"S.P.A.L. precisa che tale ritardo è stato causato da un problema di natura bancaria legato...
Deferito contestualmente anche il Presidente Joseph Tacopina...
La dirigenza del club di Massimo Cellino vorrebbe trattenere il difensore classe 1996...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C....

Altre notizie